Pomodori gratinati alla mediterranea

Pomodori gratinati ripieni di pan grattato, olive, capperi e acciughe.

Questa è una di quelle ricette che viene diversa ogni volta, pur mantenendo sempre la stessa componentistica: non è dato sapere le quantità esatte dei diversi ingredienti racchiusi dai pomodori, potete decidere come bilanciarla a seconda che preferiate un gusto più deciso piuttosto che più delicato. Se dovesse finire il ripieno prima che siano finiti i pomodori potete prepararne ancora un pò, se invece dovesse avanzare potete anche congelarlo per la volta successiva.

La scelta tra parmigiano e pecorino cambia notevolmente la resa finale di questi golosissimi pomodori, personalmente preferisco il parmigiano perché non domina sugli altri sapori, il pecorino resta inevitabilmente più presente all’assaggio. Sono ottimi come antipasto o come contorno ad un secondo piatto di carne o di pesce.

Ingredienti per 4 persone:

8 pomodori ramati ben maturi

Pan grattato

Olive taggiasche

Capperi sotto sale

Acciughe

Prezzemolo

Parmigiano o pecorino

Olio

Sale

Pepe

Procedimento:

Lavate i pomodori e tagliateli a metà, svuotateli dalla polpa con un cucchiaino conservandone metà in una ciotola. Salateli internamente e appoggiateli a faccia in giù su un ripiano dove possono perdere acqua, io li dispongo sul piano inclinato di acciaio del lavandino.

Preparate un trito grossolano con le olive, i capperi e le acciughe, uniteli alla polpa di pomodoro che avete conservato, dopodiché aggiungete anche il prezzemolo, il formaggio grattugiato di vostro gradimento, un giro d’olio e una grattata di pepe.

Impastate bene con le mani in modo da amalgamare tutti gli ingredienti, non aggiungete sale al ripieno perché risulterà già molto saporito. Riempite tutte le barchette di pomodoro, aggiungete ancora un giro d’olio in superficie. Cuoceteli in forno a 200 C° per circa 45 minuti o fino a quando risulteranno dorati in superficie. Sono ottimi sia caldi che a temperatura ambiente, in questo senso sono molto comodi perché potrete prepararli in anticipo.

Rispondi

Torna su