Fagioli cannellini al pomodoro

Fagioli cannellini in padella con pomodoro e salvia.

Per una carica di proteine vegetali vi propongo la ricetta dei fagioli cannellini al sugo, che possono diventare un ottimo piatto unico se abbinati a un cerale e a della verdura.

Come fagioli io vi consiglio di usare quelli secchi per due motivi: oltre che apportare una maggiore quantità di proteine che vengono in parte perse durante la cottura dei prodotti in scatola, non contengono additivi, sale e zucchero utilizzati nei prodotti precotti per la conservazione e per migliorarne il gusto. L’ammollo è di fondamentale importanza per eliminare le sostanze tossiche che rendono i legumi poco digeribili, per il passaggio in acqua prima della cottura dovete fare riferimento alla confezione perché ogni marchio stabilisce una sua tempistica, tendenzialmente dalle 6 ore per i più veloci alle 12 ore per quelli più lunghi.

Ingredienti per 4 persone:

400 gr. di cannellini secchi

400 ml. di passata di pomodoro

1 pezzetto di cipolla

Salvia fresca

Acqua

Olio extravergine di oliva

Peperoncino

Sale

Procedimento:

Mettete in ammollo i fagioli come indicato sulla confezione, ricordandovi di cambiare l’acqua almeno un paio di volte. Trascorso questo tempo scolateli e metteteli a bollire sempre secondo l’indicazione che trovate sul pacchetto, in genere è un oretta, salateli solo verso fine cottura.

Nel frattempo prendete le foglie di salvia, lavatele bene e fatele a pezzi non troppo piccoli. Metteteli in padella con un giro d’olio e fateli scaldare a fuoco medio insieme alla cipolla, quando iniziano a soffriggere versate la passata di pomodoro, aggiungete sale, peperoncino e mezzo bicchiere d’acqua. Non dovete restringere il sugo come per condire la pasta, deve restare abbastanza morbido dal momento che i fagioli assorbiranno molta acqua.

Quando i fagioli sono cotti scolateli, eliminate la cipolla e tuffateli nella padella con il sugo, lasciateli insaporire una decina di minuti, se serve aggiungete dell’altra acqua e regolate di sale.

Rispondi

Torna su