La pasta con la zucca per salutare la stagione fredda

Spaghetti con sugo di zucca aromatizzata alla salvia.

I sughi con la verdura mi piacciono sempre perché mi permettono di variare spesso gli ingredienti seguendo le stagioni, come il sugo con le melanzane o quello con le verdure miste. Ho fatto questo esperimento per finire un pezzo di zucca che mi era avanzato dalla ricetta della vellutata (la potete trovare qui) e avendo già nel congelatore altri pezzi non volevo aumentare le scorte, per cui ho preparato un sugo per la pasta. Quando fate delle ricette con la zucca vi consiglio di acquistare sempre la zucca intera per due motivi: potete scegliere il tipo di zucca (io uso sempre la mantovana) e per aver modo di controllarne la qualità, controllate in particolar modo che la buccia non sia intaccata in qualche punto. Se siete solo in due potrebbe essere tanta ma potete eventualmente dividerla in più preparazioni per consumarla.

E’ un sugo molto semplice e nonostante la zucca si l’ingrediente principale è molto veloce da preparare, una volta tagliata a cubetti sarà sufficiente il tempo di cottura della pasta per far si che sia tutto cotto a puntino. Per sbucciarla vi consiglio di usare un semplicissimo sbuccia patate, così anche la pulizia diventi una passeggiata.

Ingredienti per 4 persone:

400 gr. di zucca già pulita

280 gr. di pasta

1/2 porro

Acqua

Parmigiano

Salvia

Olio

Sale

Pepe

Procedimento:

Mettete a scaldare l’acqua per la pasta, affettate il porro, tagliate la zucca a dadini tutti uguali e tritate grossolanamente la salvia. In una padella mettete a scaldare un giro di olio a cui dovete aggiungere il porro e dopo poco anche la zucca, il tutto a fuoco medio. Mentre le verdure di rosolano mettete a cuocere la pasta, aggiungete la salvia nel sugo insieme a 1/2 bicchiere di acqua e chiudete con il coperchio, se dovesse asciugarsi troppo durante la cottura aggiungete un pò di acqua della pasta. La raccomandazione è quella di non stracuocere la zucca altrimenti diventerà un pastone, sempre buona ma non tanto bella da vedere. Regolate di sale e pepe, impiattate e servite con un’abbondante grattugiata di formaggio grana.

Rispondi

Torna su