Polpo alla luciana

Polpo alla luciana

Il polpo cotto in questo modo è eccezionale, resta incredibilmente tenero e gustoso e si sposa perfettamente con il riso basmati che verrà insaporito con il suo sugo. Se dovessi abbinarlo ad un primo piatto sceglierei qualcosa a base di verdura, una vellutata di piselli con le code di mazzancolla sarebbe perfetta per apprezzare a pieno il polpo alla luciana.

Per questa ricetta il polpo si usa tutto, non si scarta neanche la pelle che grazie alla scottata inziale rimarrà nella sua posizione originale senza sfaldarsi. Avrete notato che non c’è sale tra gli ingredienti ma non è una dimenticanza, effettivamente non ho mai dovuto aggiungerne perché è sufficiente quello rilasciato dai capperi e dal polpo stesso. Il tempo di cottura è solo indicativo perché dovete lasciarlo cuocere fin quando sarà morbido, il che dipende anche dalla dimensione del polpo che acquistate. Sarebbe preferibile usare polpi di piccola pezzatura piuttosto che uno grande, ma attenzione a non prendere i moscardini (si distinguono dal polpo perché hanno una sola fila di ventose).

Di sugo ne viene veramente tanto, con quello che avanza (se dovesse avanzare) potete condirci un risotto o usarlo come sugo per un’ottima pasta, purtroppo senza pesce perché di polpo non ne avanzerà neanche un pezzetto.

Ingredienti per 4 persone:

1,5 kg. di polpo

200 ml. di salsa di pomodoro

500 gr. di pomodorini

Capperi sotto sale

Olive taggiasche

Olio extravergine di oliva

Prezzemolo

Peperoncino

Procedimento:

Per preparare il polpo alla luciana mettete dell’olio in una pentola e fatelo scaldare a fuoco medio (ormai avrete notato che non uso l’aglio, è una delle poche cose che non mi piacciono ed effettivamente non lo uso mai, però è doveroso dire che se lo volete inserire potete metterlo a scaldare con l’olio), nel frattempo lavate i pomodorini, tagliateli in 4 parti e metteteli in pentola. Unite anche la salsa di pomodoro e portate a bollore, prendete i polpi che avrete risciacquato e appoggiateli nel sugo dalla parte dei tentacoli e non muoveteli più fin quando, dando una sbirciatina, vedete che sono diventati di un bel colore rosso violaceo. Ci vorranno dai 5 ai 10 minuti a fuoco vivace ma non vi preoccupate che non si attaccherà niente, i pomodorini rilasceranno acqua, il polpo anche e l’olio messo all’inizio darà una mano.

Quando i tentacoli hanno preso colore girate i polpi e fate la stessa cosa dalla parte della testa. A questo punto unite le olive, i capperi che avete preventivamente messo a bagno per togliergli il sale in eccesso e il peperoncino, abbassate il fuoco e lasciateli cuocere per almeno un ora, girandoli ogni tanto. Prima di servire aggiungete il prezzemolo. Vi accorgerete quando sono pronti anche solo guardandoli, una volta che saranno morbidi i tentacoli non faranno più resistenza alla forza di gravità e risulteranno mollicci, in questo caso è meglio definirli squisitamente morbidi.

Rispondi

Torna su