Risotto al pomodoro e stracciatella al basilico

Risotto cremoso al pomodoro con stracciatella e basilico.

Un risotto fresco che sa di primavera, molto colorato e profumato al tempo stesso. Purtroppo per fare la foto non mi è avanzata stracciatella con il basilico (sono passati i bambini e l’hanno finita a mia insaputa) e naturalmente era terminato anche il basilico, motivo per cui la stracciatella è completamente bianca, alla prossima occasione rifaccio la foto e metto il frigo sotto chiave. Ma torniamo a noi, la stracciatella non è altro che la parte interna della burrata, che si sposa benissimo con il pomodoro e il basilico e donerà al risotto una consistenza ancora più cremosa oltre che filante.

Per non mangiare il risotto freddo ricordatevi di tenere la stracciatella a temperatura ambiente almeno quando iniziate la cottura del risotto, considerando che ci vorranno dai 20 ai 25 minuti per cuocerlo, se anticipate un pò meglio ancora. Il basilico va sciacquato rapidamente e maneggiato con cura per evitare che le foglie diventino nere.

Ingredienti per 4 persone:

1 l. di brodo vegetale

400 gr. di riso Carnaroli

200 ml. di passata di pomodoro

200 gr. di stracciatella

Basilico fresco

Vino bianco

Burro

Parmigiano

Cipolla

Olio

Sale

Procedimento:

Iniziate la preparazione del risotto partendo dalla stracciatella: lavate il basilico e tritatelo con la mandolina, unitelo alla stracciatella mischiandolo bene e tenetelo fuori dal frigo. Tenete da parte le foglie più belle e intere per la decorazione.

Fate rosolare la cipolla con l’olio in una pentola, unite il riso e quando sarà tostato sfumatelo con il vino bianco. Aggiungete il pomodoro e il brodo vegetale che avrete preparato in precedenza facendo bollire 1 litro d’acqua con due carote, 1/2 cipolla e 2 gambi di sedano e il sale, mescolando ogni tanto fino a portarlo a cottura. A cottura ultimata mantecatelo con il burro e il parmigiano e impiattate il risotto al pomodoro mettendo su ogni piatto una cucchiaiata abbondante di stracciatella con il basilico.

Rispondi

Torna su